DECRETO SEMPLIFICAZIONI 2020: AUTOCERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE.

Legge 120/2020: I privati sono tenuti ad accettare l'autocertificazione o la dichiarazione sostitutiva.

Data:
20 Marzo 2021
Immagine non trovata

In data 15 settembre 2020 è entrato definitivamente in vigore il Decreto Legge n. 76/2020, convertito con Legge n. 120/2020 (noto come Decreto Semplificazioni).
L’art. 30-bis di detto decreto introduce una significativa innovazione in materia di autocertificazioni, imponendole non più soltanto nei rapporti tra cittadino e pubbliche amministrazioni o gestori di pubblici servizi, ma anche nei rapporti tra privati, senza alcuna distinzione.
Mentre prima dell’entrata in vigore del decreto le autocertificazioni erano possibili solo verso i privati che vi acconsentivano, com’era previsto dall’art. 2 DPR n. 445/2000, adesso allo stesso art. 2 è stata soppressa la condizione del consenso dei privati destinatari dei documenti, aprendo così ad un obbligo generalizzato di accettare le autocertificazioni.

La modifica normativa ha un impatto importante nei rapporti tra i cittadini ed i privati, in quanto viene sancito l’obbligo normativo anche per i privati (es. banche, assicurazioni etc…) ad accettare le autocertificazioni, essendo stata soppressa l’espressione “possono”; in precedenza l’obbligo era previsto solo per le pubbliche amministrazioni.

Si riporta di seguito la norma modificata:

D.P.R.28-12-2000 n.445 – Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.

Articolo 2 Oggetto 1. Le norme del presente testo unico disciplinano la formazione, il rilascio, la tenuta e la conservazione, la gestione, la trasmissione di atti e documenti da parte di organi della pubblica amministrazione; disciplinano altresì la produzione di atti e documenti agli organi della pubblica amministrazione nonché ai gestori di pubblici servizi nei rapporti tra loro e in quelli con l'utenza, e ai privati che vi consentono*.

Articolo 71 Modalità dei controlli 4. Qualora il controllo riguardi dichiarazioni sostitutive presentate ai privati che vi consentono* di cui all'articolo 2, l'amministrazione competente per il rilascio della relativa certificazione, previa definizione di appositi accordi*, è tenuta a fornire, su richiesta del soggetto privato corredata dal consenso del dichiarante, conferma scritta, anche attraverso l'uso di strumenti informatici o telematici, della corrispondenza di quanto dichiarato con le risultanze dei dati da essa custoditi.

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 14 Aprile 2021